La situazione del mercato immobiliare in Toscana

Dopo circa un decennio di crisi profonda, come per tutto il paese del resto, il mercato immobiliare in Toscana sembra ripartire. Nel 2016 e con un trend positivo anche nel 2017 si è visto un significativo incremento delle compravendita in tutta la Regione.
Prezzi in picchiata e mutui più facili hanno fornito una spinta importante per far ripartire il settore.

mercato immobiliare in Toscana
La Toscana, da sempre una regione importante per le compravendite immobiliare, resta una di quelle con i prezzi più alti in Italia con un prezzo medio per gli appartamenti di 2.400 €/mq. Anche se il prezzo medio degli appartamenti, come è possibile vedere anche sul sito di immobiliare Frabri Follonica, non è molto uniforme sul territorio regionale in quanto si va da province come Arezzo con prezzi medi sotto i 2000 € a metro quadro, ai quasi 3000 €/mq della provincia di Lucca.

Il motore trainante di questa ripresa è sicuramente il territorio della città metropilitama di Firenze.
Ma anche nelle altre province ci sono stati rilevanti riprese delle transazioni sugli immobili. La fanno da padrone gli appartamenti, ma restano significativi anche le compravendite di case indipendenti.

I prezzi bassi hanno attirato anche numerosi investitori sia italiani che stranieri, nelle città d’arte e sulle coste, per l’acquisto di seconde case o piccoli e medi da locare ai turisti.
Anche il mercato degli affitti cosi ha ripreso un certo dinamismo, con i prezzi che hanno subito riduzioni percentuali di molto inferiori rispetto ai prezzi di compravendita.
I prezzi su tutta la regione nell’ultimo anno hanno subito decrementi più bassi rispetto alle pesanti riduzioni avute negli anni precedenti (fino al 50 per cento).
Quindi ci sono tutte le prerogative per una crescita sostenuta del settore nei prossimi anni.
Mutui accessibili e prezzi ancora di molto inferiori rispetto al 2007, sono un buon motivo di investimento immobiliare in Toscana per chi ha la possibilità di comprare. FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *